Welcome to our new website!

Logo TauroLock

Domande frequenti sulle nostre soluzioni lock

TauroLock™

NutriLock™ e TauroLock™ sono soluzioni lock del catetere per sistemi di accesso vascolare e port tunnellizzati e non, per la prevenzione delle infezioni associate al catetere e dei problemi di flusso del catetere.

NutriLock™ contiene taurolidina come ingrediente antimicrobico. Oltre alla taurolidina, le soluzioni lock TauroLock™ contengono anche citrato al 4% per il mantenimento della pervietà del catetere.

Oltre alla taurolidina e al citrato al 4%, TauroLock™-Hep100 contiene 100 UI/mL di eparina per migliorare la pervietà. TauroLock™-Hep500 contiene 500 UI/mL di eparina.

 

La profilassi più efficace contro l'occlusione del catetere si mantiene con l'uso regolare di TauroLock™-U25.000, contenente 25.000 UI di urochinasi (5.000 UI/mL), taurolidina e citrato al 4%. Questo riduce sostanzialmente i problemi di flusso nel catetere (vedi raccomandazioni sulle soluzioni lock in dialisi).

 

La decisione su quale soluzione lock del catetere sia più vantaggiosa dipende dalla situazione individuale del paziente. L'uso alternato (ad esempio TauroLock™-HEP500, TauroLock™- U25.000) è fattibile.

L'eparina e il citrato al 4% hanno solo effetti anticoagulanti, ma nessuna proprietà battericida. Di conseguenza, la contaminazione del catetere può portare a batteriemia. Le soluzioni lock TauroLock™ sono utilizzate per prevenire sia le infezioni che le occlusioni nei sistemi a catetere e port. NutriLock™ agisce in modo profilattico contro le infezioni del catetere. L'uso profilattico delle soluzioni TauroLock™ previene la formazione di biofilm e quindi garantisce il flusso nel catetere e/o nel port. L'attività fibrinolitica di TauroLock™-U25.000 migliora ulteriormente la pervietà dissolvendo i coaguli già formati.

Non sono noti effetti collaterali topici o sistemici dei componenti. A causa del contenuto di citrato (contenuto di citrato: 4%), un'applicazione troppo rapida nel flusso sanguigno può portare a lievi effetti ipocalcemici (ad esempio, gusto metallico).

Una concentrazione di citrato del 4% è raccomandata dalle autorità di regolamentazione statunitensi e da altri.

 

  • Nel contesto di un caso di mortalità, la FDA ha emesso un avviso di non utilizzare un prodotto con un contenuto di citrato più elevato (Tricitrasol, 46,7%). Le soluzioni lock di questo tipo hanno dovuto essere ritirate dal mercato americano. Il loro uso non è più approvato.
  • Allo stesso modo, la sovra-instillazione di meno di 1 ml per lume di una soluzione di citrato al 30% ha indotto un arresto cardiaco transitorio in due casi nei Paesi Bassi (Punt CD, Boer WE, Cardiac arrest following injection of concentrated trisodium citrate, Clinical Nephrology 2008, 69 (4), 317-318).
  • Un alto contenuto di citrato (46.7%) può anche portare a eventi embolici che potrebbero essere innescati dalla precipitazione delle proteine (Davenport A, Willicombe MK, Vernon K, Embolic complications from central venous hemodialysis catheters used with hypertonic citrate solution, American Journal of Kidney Diseases, 2010, 55, 348-351 / Schilcher G, Scharnagl H, Horina JH, Ribitsch W, Rosenkranz AR, Stojakovic T e Polaschegg H-D, Trisodium citrate induced protein precipitation in haemodialysis catheters might cause pulmonary embolism, Nephrol Dial Transplant (2012) 0: 1–5).
  • Prima di instillare la soluzione lock, lavare il sistema di accesso vascolare con almeno 10 ml di soluzione fisiologica con la tecnica di lavaggio pulsato.
  • Utilizzare una siringa adatta per prelevare NutriLock™ or TauroLock™ dal contenitore.
  • Instillare la soluzione lock nel dispositivo di accesso venoso in una quantità sufficiente a riempire completamente il lume. Il volume di riempimento specifico è indicato nelle istruzioni per l'uso del sistema di accesso.
  • Le soluzioni lock NutriLock™ o TauroLock™ rimangono all'interno del sistema di accesso fino al trattamento successivo.
  • Prima di iniziare il trattamento successivo, la soluzione lock deve essere aspirata. Lavare il sistema di accesso vascolare con 10 ml di soluzione fisiologica.

Il componente antimicrobico della soluzione lock viene degradato estremamente rapidamente una volta entrato nel corpo. La degradazione produce taurina, un aminoacido che è naturalmente presente nel corpo.

Tutte le soluzioni lock TauroLock™ possono causare una lieve ipocalcemia (ad es. sapore metallico). Questi lievi effetti avversi possono essere evitati con un'instillazione lenta che rispetti il volume del dispositivo o con l'uso di una soluzione lock senza citrato (NutriLock™). 

Inoltre, TauroLock™, TauroLock™-Hep100,  TauroLock™-Hep500, e TauroLock™-U25.000 possono causare una reazione anafilattica (molto rara). TauroLock™-U25.000 può anche provocare eventi emorragici (molto rari).

Se desiderate ordinare una certa quantità dei nostri prodotti, contattate il distributore del vostro paese o contattateci. Elaboreremo la vostra richiesta il più presto possibile.

Si prega di vedere i nostri singoli prodotti per verificare le quantità disponibili.

L'effetto di TauroLock™ sui vari materiali dei cateteri (poliuretano, silicone) è stato studiato. Tutti i tipi di cateteri rimangono intatti, anche nei test a lungo termine.

I risultati attuali mostrano che una soluzione di eparina 5.000 UI/ml può essere sostituita da TauroLock™-HEP500 senza alcuna difficoltà. Quindi, l'uso dell'eparina può essere ridotto drasticamente. TauroLock™-HEP500 è il prodotto di scelta in dialisi, mentre TauroLock™-HEP100 è usato principalmente in ematologia/oncologia o con pazienti pediatrici. TauroLock™-HEP100 o TauroLock™-HEP500 devono essere aspirati prima del trattamento successivo.

Il sangue prelevato da cateteri bloccati conTauroLock™TauroLock™-U25.000 non deve essere utilizzato per la misurazione dei parametri ematici.