Meet us at the WoCoVA 20204 in Prague, 17–19 April!

Logo TauroLock Logo TauroPharm

Soluzioni lock nella nutrizione parenterale

Ingredienti, efficacia, raccomandazioni

Ci sono diverse cause cliniche che possono impedire ai pazienti di mangiare e digerire il cibo:

  • sindrome dell'intestino corto
  • malfunzionamenti del tratto GI (gastro- intestinale)
  • malattie critiche
  • e altri

Queste condizioni colpiscono tanto gli anziani quanto i giovani adulti, i bambini e persino i neonati. Se l'assunzione regolare di cibo diventa impossibile, i pazienti possono dipendere dalla nutrizione parenterale parziale o totale (breve PPN o TPN). In questi casi, i nutrienti vengono somministrati attraverso un catetere venoso centrale (CVC) posizionato nel petto del paziente. Sebbene i sistemi CVC possano essere una necessità vitale, comportano anche notevoli rischi. Per questo motivo, forniamo soluzioni lock che proteggono i pazienti dalle complicanze associate al catetere.

TauroLock™ per i pazienti che hanno bisogno di nutrizione parenterale

I dispositivi di accesso vascolare (VAD) come i cateteri possono trasformarsi rapidamente in un terreno fertile per i germi. Questo rappresenta una minaccia particolare per le persone che già soffrono di problemi di salute. Sapevate che le infezioni legate al catetere sono una causa comune di morte tra i pazienti in TPN? (Sun et al. PLoS ONE 2020. DOI: 10.1371/journal.pone.0231110.) Con questo in mente, abbiamo sviluppato speciali soluzioni lock per rendere il processo di nutrizione parenterale sicuro, confortevole e facile da gestire. Tutti i nostri prodotti contengono un ingrediente principale:

L'agente antimicrobico taurolidina elimina più di 500 tipi di germi.

Oltre alle infezioni, i pazienti devono anche evitare l'occlusione. Il contatto con il sangue, soprattutto sulla punta del catetere, può portare ad un’importante coagulazione del sangue. Pertanto, offriamo soluzioni lock con sostanze anticoagulanti o fibrinolitiche che aiutano a mantenere un flusso adeguato: citrato, eparina o urochinasi.

TauroLock™ in nutrizione parenterale

Oltre alla taurolidina, TauroLock™ contiene citrato al 4 %. Questa combinazione previene la formazione di un biofilm infettivo e le occlusioni nel catetere. Di conseguenza, la soluzione lock ha sia un effetto antisettico che antitrombotico.

NutriLock™ in nutrizione parenterale

In alcuni pazienti, il citrato può portare a ipocalcemia (cioè a livelli di calcio più bassi). I possibili sintomi includono sensazioni temporanee di formicolio alle dita e un sapore metallico in bocca. Se i pazienti – specialmente i bambini piccoli – vogliono evitare questi effetti collaterali, raccomandiamo di usare NutriLock™. Questo tipo di soluzione lock è senza citrato, ma ha ancora la stessa efficacia battericida e fungicida di TauroLock™.

TauroLock™-HEP100 in nutrizione parenterale

Oltre alla taurolidina e al citrato al 4 %, TauroLock™-HEP100 contiene 100 UI di eparina per ml. L'eparina funziona come un anticoagulante, ciò significa che aiuta a prevenire le occlusioni che potrebbero verificarsi sulla punta dei cateteri venosi centrali. Quindi, questa soluzione lock aiuta i pazienti con dispositivo di accesso vascolare ad evitare le infezioni e a migliorare il flusso.

TauroLock™-U25.000 in nutrizione parenterale

Come alternativa opzionale, offriamo una soluzione lock composta da taurolidina, citrato al 4 % e 25.000 UI di urochinasi. Grazie a questo agente trombolitico, TauroLock™-U25.000 assicura una migliore pervietà e una forte protezione contro le infezioni legate al catetere.

Tutti gli ingredienti menzionati sopra sono stati approvati e raccomandati nelle linee guida attuali (GPOH, ESPEN, GaVeCeLT, DGE, e altre linee guida nazionali).

Si prega di notare che tutti i prodotti TauroLock™ devono essere somministrati da personale addestrato con esperienza e competenza medica. Sulla base di questa premessa, consigliamo la seguente procedura:

1. Prima della nutrizione parenterale

  • Rimuovere TauroLock™/NutriLock™/TauroLock™-HEP100/TauroLock™-U25.000 e il sangue residuo dal dispositivo di accesso vascolare.

  • Una volta che il dispositivo di accesso vascolare non contiene più alcuna soluzione lock, sciacquare tutti i lumi con 10 ml di soluzione fisiologica e una siringa secondo la tecnica push-pause.
  • Iniziare la nutrizione parenterale.

 

2. Dopo la nutrizione parenterale

  • Lavare entrambi i lumi con 10 ml di soluzione fisiologica secondo la tecnica push-pause.
  • Picchiettare delicatamente il collo della fiala per rimuovere la soluzione lock.
  • Inclinare la fiala in modo da poter vedere un punto bianco in cima e rompere rapidamente il collo.
  • Prelevare la soluzione TauroLock™ dalla fiala con una siringa sterile.
  • Quando si usa TauroLock™-U25.000:Ricostituire l'urochinasi fornita in un flacone separato con TauroLock™ prelevato dalla fiala.
  • TauroLock™-U25.000 deve essere usato immediatamente dopo la ricostituzione.

 

3. Tra una sessione di trattamento e l'altra

  • Per assicurare l'efficacia profilattica della soluzione, instillare lentamente un volume sufficiente a riempire tutti i lumi del dispositivo.
  • Potete controllare il volume di riempimento corretto di ogni lume come indicato sul dispositivo, o ottenere istruzioni dal rispettivo produttore.

Ulteriori informazioni

Download materiali sulle soluzioni lock in nutrizione parenterale

TauroLock™

Newsletter

We'll keep you posted on upcoming events, free download materials, and research insights.